Fare e farsi del bene: una vacanza in Cilento!!

Come ben saprete, amo sponsorizzare cause che abbiano a che fare con la Cultura o il mondo Agroalimentare. Quest’oggi, quindi, vi propongo una iniziativa che non solo coniuga questi due ambiti, ma ha anche a che vedere con il far del bene al prossimo.

cavatelli-alla-cilentana

Il Residence Sentieri nella roccia, situato nel centro di Piaggine (SA), località posta nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, ha deciso di appoggiare una serie di iniziative benefiche a sostegno di bambini disagiati e di donne vittime di violenza.

11110806_1709454235948305_4304463315695846495_n 11206014_1725578941002501_7145311387806008240_n

Sono stato contattato per dare un piccolo aiuto alla diffusione di questa iniziativa e ho deciso di farlo con grande piacere, dato che ci troviamo nel momento dell’anno in cui, chi può, inizia a pensare alle vacanze…

La struttura, interamente in pietra, si pone come obiettivo di rendere lieti ed economicamente sostenibili i soggiorni di coppie, famiglie, comitive, nel pieno rispetto di tutti gli standard qualitativi.

10985537_1685956014964794_6373358522216700306_n

Totalmente ristrutturato e dotato di ogni comfort, dal condizionatore alla rete per collegarsi in Wi-fi, il residence, immerso nell’ambiente pieno di profumi, colori e sapori del Parco Nazionale del Cilento, è sospeso su una collina, con il paesaggio marino di Paestum da un lato, e la vita spettacolare della montagna della zona di Sala Consilina dall’altro.

E’ davvero una bella soluzione per quanti vogliano scoprire questo territorio, potendo, però, contare sulle comodità legate ad un centro cittadino e su appartamenti da almeno 50 metri quadri…

Sala-Consilina-panorama

Dall’anno 2015 la comunicazione dell’intera struttura è affidata alla Direttrice Editoriale di NeWage, Lidia Ianuario, nonché Presidente di un Comitato no profit, a cui, per l’appunto, va parte del guadagno della stessa.

Chiunque fosse interessato a trascorrere un periodo di vacanza in questo Residence, potrà beneficiare anche di un piccolo sconto comunicando il codice CULTURAGROALIMENTARE.COM, direttamente a Lidia Ianuario chiamando o mandando un sms al numero 346.51.073.57 oppure inviando una mail all’indirizzo redazionenewage@gmail.com

L’olivo in fiore…

Circa un anno fa, in occasione della rassegna degli oli monovarietali, ho avuto modo di conoscere una piccola imprenditrice, Lidia Antonacci, della zona di San Severo.

L’amore per ciò che fa, traspare anche dalla cura delle sue newsletter che periodicamente, ma senza mai essere invadenti, giungono nella mia posta.

Una parte del contenuto dell’ultima mail voglio condividerlo con tutti voi….

L’olivo in fiore

olivo in fiore

Dopo il riposo vegetativo, come ogni anno, il risveglio primaverile culmina con la formazione dei grappoli fiorali.
Ecco apparire le mignole, un nome delicato per indicare ciò che la pianta ha deciso di fare delle sue gemme, da quasi un anno.
L’olivo di maggio è, infatti, pieno di mignole. Grappoli di piccoli boccioli rigonfi che aspettano impazienti il tiepido clima primaverile, per aprirsi e ricoprire la chioma di una vera e propria nuvola di fiorellini bianchi.
E’ un momento magico che si presenta all’occhio dell’olivicoltore come auspicio di una produzione abbondante, ma purtroppo dura poco. Stupisce molto vedere quanto poco tempo abbia il vento per svolgere il suo ruolo di impollinatore, ed ancor di più stupisce se pensiamo l’ulivo come la quintessenza della lentezza.
Forse se non ho un ricordo vivo dell’oliveto in fiore è proprio per questo motivo.
Nei pochi giorni della fioritura è sempre stata buona regola rispettare quasi un religioso silenzio. Ricordo bene, infatti, la premura di mia madre a sospendere tutti i lavori nell’oliveto per paura di disturbare attimi preziosi a dare certezza alla promessa produttiva iniziale.
Uno sprazzo fugace di fervore vegetativo che lascerà tanti piccoli frutti sull’albero ed un tappeto di petali bianco avorio su cui si cammina con una sensazione che richiama l’ovatta.
Mentre l’olivo è in fiore tranquillo, tutte le attenzioni in azienda sono rivolte ai campi di grano che cominciano ad imbiondirsi e ricordano che la trebbiatura è ormai vicina, ma mai prima del 13 giugno.
Aspettando Sant’Antonio fervono i preparativi. Salgono le ansie per il buon esito del raccolto e, come il vento per le mignole, anche la mietitrebbia per il grano avrà bisogno di poco tempo per coglire il frutto prezioso di tutto ciò che è stato dato e fatto in tanti mesi di preparazione.
Anche questa è bellezza.