Due assaggi…a cavallo tra Norvegia ed Italia

Da ormai quasi due settimane sono rientrato in Italia e ancora non ho finito di rimettere in ordine tutti i pezzi di quest’ultimo anno e mezzo della mia vita, ma oggi comincio a farlo presentandovi uno degli ultimi vini assaggiati in Norvegia ed uno dei primi gustati dopo esser tornato a casa.

IMG_20170308_204033Il primo è il Rosso di Montepulciano DOC  “Tre Rose“, brand senese riconducibile all’azienda Tienimenti Angelini.

Annata 2015 e 13 gradi alcolici per questo rosso, rubino, limpido ed abbastanza consistente. Sentori floreali (rosa su tutto), speziato ed etereo, ha un naso intenso, abbastanza complesso e con una discreta finezza.

In bocca è secco, caldo, morbido, fresco, tannico e sapido. E’ ancora giovane e il suo equilibrio è leggermente spostato verso le parti dure. Buono il corpo ed abbastanza persistente, lo potremmo definire “pronto”, anche se sarebbe meglio dargli un paio d’anni per poter evolvere un po’. Polpette al sugo il primo abbinamento che mi verrebbe da suggerire…

Spostiamoci ora nel sud delle Marche per goderci il “Brezzolino”, Falerio DOC della Linea “Pharus” della Cantina Colli Ripani (AP). L’annata provata è la 2013, i gradi alcolici sono 13.

Questo blend di Pecorino, Passerina e Trebbiano si presenta in una bottiglia semplice, con etichetta elegante e controetichetta curata. Non a caso l’Azienda si aggiudica spesso premi anche per le sue etichette.

Il vino ha un bel colore giallo paglierino tendente all’oro, brillante e consistente.
Naso complesso, intenso e fine. Sentori di fiori gialli surmaturi, camomilla, erbe.

In bocca è secco, caldo, morbido, fresco, abbastanza sapido. Buona la spalla acida e l’equilibrio in generale. Discreta anche la consistenza.
Una beva relativamente facile, con una nota amara che ci invoglia ad abbinamenti con salami dolci, tipo il prosciutto Fiocco e tutti quei salumi non troppo salati, o con piatti rustici e saporiti, come una bella frittata di zucchine e cipolle.

E’ il vino giusto da bere in primavera, a tavola con amici, in una bella giornata di sole.

Annunci

Falerio Pecorino Rugaro 2013 – Cantina Colli Ripani

Linea Pharus
Falerio Pecorino DOC “Rugaro”
Cantina Colli Ripani (Ripatransone AP, Italia)

Annata: 2013
Alcol: 13%

Data degutazione: 9 gennaio 2016

IMG_20160109_141142

Un bianco nerboruto, ottimo con formaggi e carni bianche.

Piacevole la sua complessità aromatica, con note di camomilla, ginestra e miele.
Buono il corpo, bella la struttura ed anche in bocca, la complessità è discreta.

Questo vino si presenta con un colore giallo paglierino piuttosto acceso, in una bottiglia classica e dall’etichetta semplice ed elegante. Un packaging sobrio e semplice, anche se forse si sarebbe potuto osare qualcosa di più.

Ad ogni modo il prodotto non tradisce le aspettative, un po’ come tutta la linea “Pharus” di Colli Ripani, azienda che continua a ricevere premi e riconoscimenti importanti, in Italia e non solo.

E’ il vino giusto se…Volete organizzare una cenetta intima, a lume di candela, ma avete voglia di stupire con qualcosa di diverso da un rosso, magari un po’ troppo diretto, o da una bollicina, talvolta un po’ scontata; da prendere in onsiderazione anche se avete intenzione di concedervi una serata abbastanza lunga, come “apripista” per scaldare i motori…

Giudizio complessivo: Vino da WinElite by CulturAgroalimentare.com

 

Vinitaly 2015: Premi prestigiosi per la Cantina Colli Ripani

Etichetta dell’anno e Gran Menzione: un 2015 da brindisi per la Cantina di Ripatransone

Post premi

Le colline di Ripatransone, la terra e i suoi profumi, si confermano ancora una volta valori aggiunti fondamentali per successi nazionali ed internazionali.

Ne è la prova la Cantina dei Colli Ripani, società cooperativa che vanta più di 300 soci, e che propone vini DOC e non solo, capaci di raccontare una passione e un amore per la coltivazione e la produzione di qualità.
Quest’anno Vinitaly, tra le maggiori istituzioni di settore, premia la Cantina con ben due riconoscimenti in due concorsi altamente prestigiosi.
Il primo è il 19° “International Packaging Competition”, che ha assegnato, lo scorso Marzo, l’ambito premio “Etichetta dell’anno 2015” al Rosso Piceno DOC 2013 della Linea Bio, una linea che già dal 2014 sta ottenendo notevoli riscontri tra gli addetti al settore.
Ideatori del progetto premiato, l’art director Andrea Castelletti e il suo team, principali artefici di un nuovo e dinamico posizionamento aziendale.
La Cantina dei Colli Ripani si è distinta tra 201 iscritti, distribuiti nelle categorie previste dal regolamento, provenienti da Argentina, Cile, Croazia, Grecia, Italia e Spagna.
Il secondo riconoscimento viene dal 22° Concorso Enologico Internazionale, la competizione più selettiva e partecipata al mondo, che vanta una presenza, quest’anno, di oltre 3000 prodotti da più di 30 Paesi.
Questa volta è un vino bianco come l’Offida DOCG Pecorino Rugaro Gold 2014 a venir premiato con la Gran Menzione. Si confermano e si rafforzano pertanto i trend dello scorso anno, che già avevano visto la Cantina prendersi notevoli soddisfazioni in svariati concorsi internazionali.
Un lavoro importante che lascia intuire percorsi di sviluppo di sicuro successo.

Vinitaly 2015…il Festival delle Occasioni

Volete un’occasione per stringere la mano ad uno vostri “idoli” del mondo del Vino?
Il Vinitaly ve la dà…
Volete un’occasione per assaggiare un vino di cui avete letto una grande recensione su una guida o che vi incuriosisce particolarmente?
Il Vinitaly è il posto giusto!!
Volete un’occasione per stupirvi, abbandonandovi alla ricerca di sensazioni nuove, che solo un vino di cui magari non sapevate nemmeno l’esistenza, può regalarvi?
Al Vinitaly la troverete….

20

Sarà anche un’iniziativa estremamente onerosa per i produttori (costi per stand davvero elevati), ma è pur sempre l’evento dell’anno per tutti quei visitatori che non possono o non vogliono permettersi di andare fuori dal nostro Paese.

E, come se non bastasse, può essere, come tutti gli eventi di grande richiamo, anche il posto giusto per incontrare personaggi famosi del piccolo o del grande schermo (anche se a me personalmente non è successo)…

La mia rapida “iniezione” di Vinitaly 2015 mi ha permesso di incontrare per la prima volta di persona alcune persone che avevo avuto modo di conoscere solo sul web, come ad esempio Leonardo Zerilli, dell’azienda Terre del Sole, di cui avevo avuto il piacere di assaggiare i prodotti qualche mese fa….

Con Leonardo Zerilli

E’ stata, quindi, una bella occasione per realizzare nuovi contatti e confrontarmi con chi vive il mondo del Vino da più tempo di me.

Compagni di questa mia rapida ma intensa giornata, Marco Simonetti, un giovane e brillante produttore di Staffolo ed Angelo Caputo, agente della zona di Vicenza, da una vita nel mondo del Vino.

Il padiglione dei vini Biodinamici ha attratto da subito la nostra curiosità, lasciandoci, però, un po’ perplessi su alcuni prodotti. Tuttavia è innegabile che questa tipologia di vini stia riscuotendo sempre maggior interesse, dato anche il fatto che sempre più persone decidono di avvicinarsi e capire sul serio il mondo che si nasconde dietro ad un bicchiere….

9 10

Viticoltori “talebani” che presentano vini non filtrati e non trattati, che si possono presentarsi anche tutt’altro che limpidi e che richiedono spesso un po’ di tempo per liberarsi di alcune “puzzette” non proprio gradevoli, di primo acchito, al naso.

Tornando alla “normalità”, abbiamo comunque voluto concentrarci su cose particolari, rimanendo davvero stupiti dal Franciacorta Biologico di Elisabetta Abrami (secondi, per produzione, solo a Barone Pizzini) e innamorandoci del Nebbiolo della Valtellina vinificato in bianco (Casa Vinicola Nera)…

15 28

Il “viaggio” non poteva non prevedere anche qualche assaggio di prodotti della nostre Regione ed un saluto ad un “folle genio” del Verdicchio, quale Lucio Canestrari (di cui avevo già parlato qui) e a Monica Eleuteri, responsabile commerciale per l’estero della Cantina Colli Ripani, uno dei giganti della nostra Regione, con oltre un milione e mezzo di bottiglie prodotte all’anno….che presto diventeranno due!

34

Come sempre il tempo è tiranno e non ho potuto salutare tutti gli amici e le persone che stimo nel bellissimo mondo del Vino e mi auguro di potermi rifare quanto prima.

Oltre alle foto pubblicate in questo post, trovate tutti gli scatti di questa intensa giornata sulla pagina Facebook di CulturAgroalimentare, cliccando qui!

Stavolta, però, non finisce qui!!

C’è una sorpresa, infatti, per tutti i nostri lettori che non vogliono accontentarsi di leggere, ma desiderano anche assaggiare qualcosa: da oggi, infatti, abbiamo stabilito accordi speciali con alcuni dei produttori di cui vi ho parlato in questo articolo e, quindi, è possibile ricevere direttamente a casa ed a condizioni vantaggiose i prodotti delle aziende:

– Terre del Sole (prov. di Trapani);
– Simonetti Vini (prov. di Ancona);
– Cantina Colli Ripani (prov. di Ascoli Piceno).

Per maggiori informazioni, potete scrivere all’indirizzo info@culturagroalimentare.com oppure chiamare la nostra Info Line al numero 349/1790549!!

Ne assaggerete delle belle…..

Olimpus 2013 – Cantina Colli Ripani

Data degustazione: 1 febbraio 2015
Vino: Olimpus vsq (Vino Spumante di Qualità) Passerina Brut

Azienda: Cantina Colli Ripani

Titolo alcolometrico: 12°alc.
Annata: 2013

olimpus fronte 20150201_130823

Esame visivo:

– Limpidezza: brillante,
– Colore: giallo paglierino abbastanza acceso,
– Effervescenza: bollicine fini, numerose, abbastanza persistenti.

Esame olfattivo:

– Intensità: abbastanza intenso,
– Complessità: abbastanza complesso,
– Qualità:  abbastanza fine,
– Descrittori: leggermente fragrante, floreale.

Esame gusto olfattivo:

– Zuccheri: secco,
– Alcoli: abbastanza caldo,
– Polialcoli: morbido,
– Struttura/Corpo: di corpo,
– Acidità: fresco,
– Tannicità: assente,
– Sostanze minerali: sapido,
– Equilibrio: equilibrato
– Intensità: intenso,
– Persistenza: abbastanza persistente,
– Qualità: fine,
– Osservazioni: la bollicina della linea Pharus si presenta con eleganza e semplicità. Talmente ben fatta da poter esser quasi scambiata per un metodo classico.
Naso non particolarmente articolato ma beva gradevole e bella freschezza. Da provare con piatti non molto complessi, senza pomodoro. Antipasti di pesce, salmone al naturale, crostini di pane abbrustolito con olio, formaggi magri, primi piatti e petto di pollo.

IMG_3295

Considerazioni finali:

– Stato evolutivo: maturo,
– Armonia: armonico.
– Mio voto in centesimi: 80

20150201_130735-1

 

Rugaro Gold 2013 – Cantina Colli Ripani

Data degustazione: 31 gennaio 2015
Vino: Rugaro Gold Offida Pecorino DOCG 2013 – Linea Pharus

Azienda: Cantina Colli Ripani

Titolo alcolometrico: 2013
Annata: 13,5° alc.

Rugaro - Fronte Rugaro - Retro

Esame visivo:

– Limpidezza: brillante,
– Colore: paglierino intenso con riflessi dorati,
– Consistenza:  consistente.

Esame olfattivo:

– Intensità: intenso,
– Complessità: complesso,
– Qualità:  fine,
– Descrittori: minerale, leggermente fragrante, floreale (ginestra, margherita), fruttato (pesca bianca, melone giallo).

Esame gusto olfattivo:

– Zuccheri: secco,
– Alcoli: caldo,
– Polialcoli: morbido,
– Struttura/Corpo: di corpo,
– Acidità: fresco,
– Tannicità: assente,
– Sostanze minerali: sapido,
– Equilibrio: equilibrato
– Intensità: intenso,
– Persistenza: abbastanza persistente,
– Qualità: fine,
– Osservazioni: leggerissimo petillant, naso complesso, corpo potente…favoloso!
Già strappandolo capiamo che si tratta di un vino fuori dal comune. Poche volte, infatti, capita di ritrovarsi in mano un tappo di sughero di qualità….profumato!
Un bianco importante. Una delle più nobili espressioni di pecorino finora assaggiate. Davvero all’altezza delle aspettative che l’Azienda, con la Linea Pharus, intende perseguire.
Perfetto con i salumi della zona, tendenzialmente grassi, come il ciauscolo e con piatti importanti, privi di pomodoro come gli arrosti di pesce. La sua struttura permette di associarlo a piatti complessi: una bella alternativa ai verdicchi più potenti. Resta solo da valutarne la capacità di evolvere nel tempo…

Considerazioni finali:

– Stato evolutivo: pronto/maturo,
– Armonia: armonico.
– Mio voto in centesimi: 88/89

20150131_144454