Fritto di Marca: gran chiusura!!

IL FRITTO È SERVITO: 6 QUINTALI DI PESCE NELLA TRE GIORNI DI FALCONARA

IMG_9533

Fritto di Marca chiude con 6 quintali di pesce cucinatoun migliaio di bottiglie di Verdicchio vendute nella tre giorni. Un successo che è riuscito nell’intento di rivitalizzare il centro di Falconara, tanto che si può parlare di esperimento riuscito e iniziare a lavorare per l’edizione 2016.

Il piatto più richiesto è stato il baccalà fritto con le patatine. “Falconara ha risposto bene – commentano gli organizzatori – e gli estimatori che già conoscevano la qualità della nostra offerta ci ha seguito“.
Si parte dunque per la seconda edizione” concludono i responsabili di Re Stocco e dell’Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana.
Annunci

Fritto di Marca. Parte la tre giorni falconarese.

Comunicato stampa ufficiale

Inaugurata questa mattina Fritto di Marca, la tre giorni del gusto che fino a domenica 10 animerà il centro di Falconara.

frittomarca comunicato

Il colorato serpentone di stand è stato subito preso d’assalto da quanti cercavano una “chicca” enogastronomica, un prodotto a km0, un assaggio dei piatti gustosi preparati dai vari chef presenti.

frittomarca comunicato (2)
Su tutti il main stand delle associazioni organizzatrici – Re Stocco e Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana – che hanno collaborato con l’assessorato al Turismo del Comune di Falconara, Confartigianato e Coldiretti alla realizzazione dell’evento.
frittomarca comunicato (3)
Là, gli chef dell’Istituto alberghiero Panzini di Senigallia – che nel pomeriggio hanno anche ricevuto la visita a sorpresa della preside Maria Rosella Bitti – hanno lavorato molto con il take away. Bene il fritto anche se la maggior parte delle richieste è stata orientata verso lo stoccafisso all’anconetana, “un piatto che rappresenta un’intera regione e che può essere anche traino per l’economia turistica” ha detto Pietro Recchi, presidente onorario dell’Accademia.
“Mancava a Falconara una proposta rivolta all’enogastronomia – ha detto l’assessore al Turismo Stefania Signorini – e la buona affluenza di oggi ci induce a proseguire con queste iniziative rivolte anche alla buona alimentazione, alla salute e alla promozione del territorio”.

A Falconara, in attesa di Degustart, da domani c’è Fritto di Marca!!

Falconara, tre giorni del gusto: da domani c’è Fritto di Marca. Gli chef: Alberghiero garanzia di alta qualità”
fritto-pesce-verapizza
 
Falconara si prepara alla tre giorni del cibo di qualità di Fritto di Marca. Circa 30 stand occuperanno da domani, venerdì 8 maggio, a domenica 10 maggio, dalle 9 alle 23, tutta l’area pedonale di via Bixio con prodotti di qualità, enogastronomia a vendita diretta e km0.
 
L’evento è alla sua edizione “zero”. Ordine Culturi della Cucina di Mare “Re Stocco” e Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana, le due associazioni organizzatrici insieme all’assessorato al Turismo del Comune di Falconara e Confartigianato Imprese, sono alla loro prima uscita falconarese dopo le fortunate kermesse anconetane dedicate ai sapori, al pesce azzurro e allo street food. 
 
Allo stand principale, quello delle associazioni, che sarà posizionato all’altezza di piazza Mazzini, opereranno gli chef Massimo Bomprezzi e Vittorio Serritelli, docenti dell’Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia. Con loro una brigata di 10 studenti. “La presenza della scuola – spiega chef Serritelli – è garanzia di elevata qualità elevato per la manifestazione. faremo piatti della gastronomia locale cercando di dare con il nostro contributo un valore aggiunto”. 
 
“Il fritto ci permette di approcciare il pesce azzurro, un alimento importante sia dal punto di vista nutrizionale, perché ricco di omega 3 e grassi insaturi, sia dal punto di vista economico: non parliamo di pesci di allevamento ma di pesce fresco pescato nel nostro mare Adriatico” conclude chef Bomprezzi. 
pesce fritto 1