Le mie amate Marche (#2 parte)

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta di una delle Regioni italiane più belle e meno conosciute, muovendoci oggi verso Macerata ed entrando anche in parte nelle provincie di Fermo ed Ascoli Piceno: la zona del Colli Maceratesi.

Macerata

Si tratta di una DOC che annovera le tipoligie Bianco, Ribona (anche nella versione spumante e passito) e Rosso (anche novello, Riserva e Sangiovese). Il Bianco viene prodotto da uve del vitigno Maceratino (Montecchiese, per almeno il 70%) e possono concorrere anche Trebbiano Toscano, Verdicchio, Incrocio Bruni 54, Pecorino, Sauvignon, Grechetto, Malvasia Toscana e Chardonnay, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 30%. Il Colli Maceratesi Ribona viene prodotto con minimo l’85% di Maceratino, mentre il Colli Maceratesi Rosso viene prodotto con almeno il 50% di Sangiovese.

Serrapetrona

Procedendo ancora verso Sud, arriviamo nella zona del fermano, in particolare nei comuni di Serrapetrona, Belforte del Chienti e San Severino. Qui possiamo trovare il vitigno Vernaccia nera, presente per almeno l’85% nel vino che fu la prima DOCG della Regione: la Vernaccia di Serrapetrona.
Vino spumante secco e dolce, esuberante e versatile almeno quanto il più famoso Lambrusco, alla sua realizzazione vino possono concorrere anche altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella provincia di Macerata. Dallo stesso vitigno anche la DOC Serrapetrona, vino che prima di essere immesso al consumo deve essere sottoposto ad un periodo di invecchiamento di almeno 10 mesi a decorrere dal primo dicembre dell’anno di vendemmia.
A due passi da Serrapetrona troviamo un’altra DOC: i Terreni di San Severino, nelle tipologie Rosso, Rosso Superiore, Passito e Moro. Si tratta di una produzione comprendente l’intero comune di San Severino Marche, in provincia di Macerata. Per il Rosso, il Rosso Superiore e il Passito, è obbligatorio l’uso della Vernaccia Nera per almeno il 50%, mentre per ottenere il Moro è necessaria la presenza, per almeno il 60%, di Montepulciano; possono concorrere alla produzione di questa DOC tutte le varietà a bacca nera, non aromatiche, idonee alla coltivazione nella Regione Marche, congiuntamente o disgiuntamente, per un massimo del 50% (per le tipologie Rosso, Rosso Superiore e Passito) e del 40% (per la tipologia Moro).
Spostandoci di pochi kilometri, approdiamo a San Ginesio, nel cui territorio comunale è consentita la produzione dell’omonima DOC (assieme a parte del territorio dei comuni di Caldarola, Camorotondo di Fiastrone, Cassapalombo e Ripe San Ginesio). Due le tipologie di vini: San Ginesio Rosso, San Ginesio Spumante (Secco e Dolce).
San Ginesio
Il San Ginesio Rosso è ottenuto da uve provenienti dal vitigno Sangiovese (minimo 50%), Vernaccia Nera, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Ciliegiolo, da soli o congiuntamente, per un minimo del 35%; possono concorrere altri vitigni a bacca nera non aromatici per un massimo del 15%. Il San Ginesio Spumante Secco o Dolce è ottenuto da uve provenienti da Vernaccia Nera per un minimo dell’85%; possono concorrere anche tutti gli altri vitigni non aromatici a bacca nera, per un massimo del 15%. Scendendo ancora un po’ verso sud ed entrando decisamente nelle province di Fermo ed Ascoli Piceno, incontriamo la DOC Falerio, nelle sue due tipologie: Falerio e Falerio Pecorino. Il primo è composto con un blend di Trebbiano Toscano (dal 20 al 50%), Passerina (dal 10 al 30%) e Pecorino (dal 10 al 30%). Oltre a questi vitigni, possono concorrere, fino ad un massimo del 20%, tutte le altre varietà a bacca bianca non aromatiche idonee alla coltivazione nella Regione Marche.
Arriviamo ora al confine con l’Abruzzo per trattare l’ultima DOCG e l’ultima DOC delle Marche: Offida DOCG e Terre di Offida DOC. Per entrambe le DO siamo nella stessa zona di produzione, sita in provincia di Ascoli e Fermo. Per quanto riguarda l’Offida DOCG le tipologie sono 3: Rosso, Pecorino e Passerina. La zona di produzione del Rosso conta 19 comuni della provincia di Ascoli, mentre quella dei Bianchi è un po’ più ampia e comprende anche alcuni comuni della provincia di Fermo. I vitigni sono quelli considerati autoctoni nel territorio di riferimento: Montepulciano a bacca rossa, Passerina e Pecorino a bacca bianca. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% tutti gli altri vitigni non aromatici idonei alla coltivazione nella Regione Marche.
Offida
Per quel che concerne, invece, la DOC Terre di Offida, le tipologie sono le seguenti: Passerina Spumante, Passerina Passito, Passerina Vino Santo. La zona è la stessa della DOCG, eccezion fatta per la Passerina Vino Santo che ha una zona più ristretta, all’interno dei territori comunali di Ripatransone e Offida. Per la produzione di questa DOC si utilizza il vitigno Passerina, affiancato fino ad un massimo del 15% tutti gli altri vitigni non aromatici idonei alla coltivazione nella Regione Marche.

Tutta la Regione Marche, inoltre, è “abbracciata” da una IGT che permette ai produttori che non possono usufruire di alcuna DO, di valorizzare ugualmente i propri prodotti. La IGT Marche annovera le tipoligie di vini rosso, bianco e rosato, anche nelle tipologie Passito e Novello.

Termina, così, il nostro breve excursus enologico della Regione Marche, i cui sapori e le emozioni non possono esser semplificati in queste poche righe
Spero comunque di esser riuscito a trasmettere almeno in parte la complessità (e la varietà) di questo territorio, invogliandoti ad approfondire quanto da me riportato, magari, se non ci sei mai stato, programmando un viaggio nelle Marche per conoscere di persona questo territorio. Ne vale la pena!!

Annunci

Falerio Pecorino Rugaro 2013 – Cantina Colli Ripani

Linea Pharus
Falerio Pecorino DOC “Rugaro”
Cantina Colli Ripani (Ripatransone AP, Italia)

Annata: 2013
Alcol: 13%

Data degutazione: 9 gennaio 2016

IMG_20160109_141142

Un bianco nerboruto, ottimo con formaggi e carni bianche.

Piacevole la sua complessità aromatica, con note di camomilla, ginestra e miele.
Buono il corpo, bella la struttura ed anche in bocca, la complessità è discreta.

Questo vino si presenta con un colore giallo paglierino piuttosto acceso, in una bottiglia classica e dall’etichetta semplice ed elegante. Un packaging sobrio e semplice, anche se forse si sarebbe potuto osare qualcosa di più.

Ad ogni modo il prodotto non tradisce le aspettative, un po’ come tutta la linea “Pharus” di Colli Ripani, azienda che continua a ricevere premi e riconoscimenti importanti, in Italia e non solo.

E’ il vino giusto se…Volete organizzare una cenetta intima, a lume di candela, ma avete voglia di stupire con qualcosa di diverso da un rosso, magari un po’ troppo diretto, o da una bollicina, talvolta un po’ scontata; da prendere in onsiderazione anche se avete intenzione di concedervi una serata abbastanza lunga, come “apripista” per scaldare i motori…

Giudizio complessivo: Vino da WinElite by CulturAgroalimentare.com

 

Pecorino I.G.T. – Az. Cantina Torri

Quest’oggi degusto con piacere un vino che mi è stato gentilmente omaggiato dagli amici Luca Giampaolini ed Emanuele Morbidoni. Sono particolarmente curioso, anche perchè si tratta di un prodotto che può vantare tutte le certificazioni biologiche del caso.

Data degustazione: 6 agosto 2014
Vino: Pecorino I.G.T. – Colli Aprutini

Azienda: Cantina Torri (Torano Nuovo – TE)

Titolo alcolometrico: 13° alc.
Annata: 2013

fronte retro

Esame visivo:

– Limpidezza: brillante,
– Colore: giallo paglierino con intensi riflessi verdolini,
– Consistenza: abbastanza consistente.

Esame olfattivo:

– Intensità: intenso,
– Complessità: complesso,
– Qualità:  fine,
– Descrittori: Minerale, erbaceo, floreale (ginestra). Interessante perchè rivela qualcosa di diverso ad ogni olfazione…

Esame gusto olfattivo:

– Zuccheri: secco,
– Alcoli: abbastanza caldo
– Polialcoli: abbastanza morbido,
– Struttura/Corpo: di corpo,
– Acidità: fresco,
– Tannicità: assente,
– Sostanze minerali: sapido,
– Equilibrio: equilibrato
– Intensità: intenso,
– Persistenza:abbastanza persistente,
– Qualità: fine,
– Osservazioni: leggermente petillant, può essere un’ottima alternativa ai soliti vini per aperitivi. Le componenti principali di questo vino sono legate alla sua notevole freschezza, alla sapidità ed alla mineralità. Mi piacerebbe provarlo con un tagliere di formaggi e salumi misti, anche speziati.

Considerazioni finali:

– Stato evolutivo: pronto,
– Armonia: abbastanza armonico.
– Mio voto in centesimi: 83. Tuttavia potrei rivedere tale valutazione: così tanta freschezza e sapidità, infatti, mi fanno pensare ad un vino che debba ancora esprimere a pieno il suo potenziale. Riproverei volentieri quest’annata tra uno/due anni.

Insalata di anguria, cetrioli e pecorino

Anche se la situazione metereologica è in totale disaccordo con la stagione, oggi, direttamente da una nota trasmissione televisiva delle reti Mediaset, vi propongo una simpatica ricetta particolarmente adatta all’estate: insalata di anguria, cetrioli e pecorino!!

Insalata di anguria, cetrioli e pecorino

Difficoltà: bassa
Tempo di preparazione: 30 minuti

L’insalata di anguria, cetrioli e pecorino è un contorno fresco e originale realizzato con cubetti di anguria e pecorino, cetrioli a fettine e un condimento di sale, olio e origano fresco. L’abbinamento è insolito, ma assicura un trionfo di sapori, accostati perfettamente tra loro con il dolce della frutta e il sapore deciso del formaggio. In alternativa al pecorino è possibile utilizzare la feta o un altro formaggio di pecora o capra.

Procedimento:

Tagliare il formaggio a cubetti di circa un cm e tenete da parte. Sbucciare i cetrioli e tagliarli a fettine spesse qualche millimetro. Eliminare la buccia dell’anguria e i semi.

Fig. 1

Ricavarne dei cubetti leggermente più grandi di quelli di formaggio. Raccogliere in una terrina tutti gli ingredienti e

Fig. 2

condirli con sale, olio e origano.
Servire immediatamente l’insalata di anguria, cetrioli e pecorino, onde evitare l’imbrunimento enzimatico degli ingredienti!!

Fig. 3

Che ve ne pare? Qualche suggerimento??