SKÅL!!

In alto i calici e….Skål!!

Si scrive “Skål“, si pronuncia “Skol”, si traduce….”salute” o “brindisi”!! E’ così che ci si augura il meglio quando si è tra amici, in occasioni di festa, in Danimarca, Svezia e Norvegia.

L’uso di questo termine si perde nella notte dei tempi e deriva dal nome di un recipiente, una coppa generalmente di legno, chiamata “skalar”, utilizzata per bere.
Il legno si preferiva al vetro per la sua resistenza e perchè, non potendosi rompere, garantiva l’impossibilità di procurarsi ferite.

Nel medioevo il brindisi aveva una grande importanza e serviva a suggellare le unioni in matrimonio, a celebrare un accordo raggiunto o a concludere il rito di giuramento al re.

Il termine è di orgine svedese, ma si è esteso alla Norvegia durante il XVII secolo ed è tutt’ora molto utilizzato!

Skål

Ricordatevo di usarlo, la prossima volta che volete fare un brindisi diverso dal solito….lasciando uscire lo spirito vichingo che è in voi…!!

Tisane al Ganoderma: un’idea di business da condividere

Oggi l’ospite di CulturAgroalimentare.com è Antonio Mannocchi, fondatore di Mitos World, un’azienda che ha l’obiettivo di diffondere la cultura del benessere, attraverso prodotti semplici e naturali, contenenti Ganoderma lucidum in pezzi.

mannocchi

1) Ciao Antonio, benvenuto su CulturAgroalimentare.com. Oggi con te vogliamo parlare di un tema inflazionato, ma davvero importante: il benessere. 

Alla base della scelta operata con la tua azienda, infatti, c’è una decisione importante per la tua vita: quella di diventare vegan. Non pensi che oggi ci sia davvero tanta confusione sull’alimentazione e sul concetto stesso di benessere che trapela dai mass media? E perchè proprio questa scelta, invece di altre, tipo, semplicemente, l’essere vegetariani?

Si oggi c’è davvero una grande confusione dal punto di vista dell’alimentazione, dettata prevalentemente dalle cattive abitudini che abbiamo ereditato dopo la seconda guerra mondiale: il grande benessere e la corsa all’industrializzazione, infatti, hanno fatto perdere di vista la natura e le genuinità delle cose naturali.
La mia scelta di diventare vegano è stata presa a seguito di un lungo percorso personale che mi ha portato a riflettere molto ed a capire che questa era la scelta giusta per la mia salute… e per quella di tutti…

2) Quando e perchè hai deciso di avviare questa azienda?

La decisione di fondare Mitos World è fortemente collegata al mio percorso ed alla decisione di usare per me e per le persone a me più care, prodotti naturali, da riscoprire anche grazie ad una costante attività di ricerca e sviluppo su ciò che è il meglio che Madre Terra può dare ad ognuno di noi.

3) Qual’è stata l’idea che ti ha portato a puntare sulle tisane come tipologia di prodotti da distribuire tramite i negozi Mitos World? e perchè proprio le tisane invece di altre tipologie di prodotti, come, ad esempio le pillole?

Per quanto riguarda la scelta del prodotto che commercializziamo con Mitos World, abbiamo cercato di lasciarlo il più naturale possibile, riducendo al minimo l’intervento “umano”, anche perché nel documentarci, abbiamo visto che nell’antichità il Ganoderma lucidum (presente dal 20 al 30% in tutti i nostri prodotti) veniva utilizzato a decotto o in infusione e siamo convinti che questo sia photoil metodo migliore, visti anche i risultati dei nostri clienti.

4) Antonio ci racconti gli effetti più eclatanti che hai potuto notare su di te e su alcuni dei tuoi clienti in questi primi mesi di utilizzo del prodotto?

Prima di tutto ci tengo a dire che è fondamentale bere ogni giorno da uno a due litri di tisana: questo farà si che il Ganoderma possa compiere il suo percorso in 5 fasi. La seconda fase, che va dal secondo mese fino al settimo, è quella della depurazione. In questa fase, io personalmente ho perso circa 20 kg, ma anche molti clienti hanno avuto i loro benefici: chi nel dormire meglio, chi nell’aumentare il proprio metabolismo basale e quindi perdere peso più facilmente, percependo anche un benessere diffuso in tutto il corpo, chi nel miglioramento dei livelli di pressione arteriosa e di colesterolo.

5) In cosa si differenziano i tuoi prodotti rispetto a tutti quelli presenti sul mercato e come pensi di migliorare ancor di più la tua offerta nei prossimi mesi?

Per Mitos World la finalità è quella di fare del bene a più persone possibili ed è per questo che siamo entrati sul mercato con prezzi davvero concorrenziali ed ora stiamo per uscire con due nuovi prodotti : due decotti al 40 % di Reishi, quindi con una altissima percentuale di Ganoderma lucidum! Ciononostante, riusciremo a mantenere un prezzo davvero concorrenziale, che non supererà i 25 €. Il vero valore aggiunto, però, è che i nostri prodotti sono il massimo del naturale.

6) Saluta i nostri lettori e stupiscili con un’anteprima assoluta…..

Ringrazio tantissimo CulturAgroalimentare.com ed il suo impegno per far conoscere a sempre più persone i fatti e le cose con il massimo della trasparenza, contribuendo a diffondere la conoscenza del buono. Il ringraziamento più grande, però, va a tutti i lettori che mi hanno dedicato una parte del loro prezioso tempo. Vorrei chiudere, allora, con una notizia in anteprima: stiamo studiando dei nuovi prodotti con una percentuale del 50 % di Reishi e
Con queste novità e con tutte le tisane che già è possibile acquistare nei nostri punti vendita (ma anche online, grazie alla convenzione con CulturAgroalimentare.com), ci auguriamo di poter aiutare più persone possibili, ovunque!
Grazie ancora, a prestissimo.

antonio-mannocchi-foto.1024x1024

Antonio grazie per le belle parole e le interessanti novità che hai introdotto.

Concludo questa intervista, ricordando anche il tuo passato da networker che ti ha portato a voler condividere con quante più persone possibili questo progetto.

E’ proprio in virtù di ciò, allora, che ricordiamo a tutti i lettori la nostra convenzione con Mitos World, in vigore da alcune settimane: stampando e presentando il coupon riportato qui sotto, presso uno dei punti vendita di Mitos World o contattando direttamente la nostra info line (349/1790549 o via mail a info@culturagroalimentare.com), si ha diritto ad uno sconto di 2 euro su TUTTI i prodotti (acquistandone, in prima battuta, almeno 4) PER SEMPRE!

Agreement 2

Per maggiori informazioni clicca qui!

Un metodo semplice per migliorare il nostro benessere

Di recente mi è capitato di fare altre ricerche sul Ganoderma lucidum, detto anche Reishi (di cui avevo già parlato in altri post, come questo), dato che sempre più persone stanno traendo benefici importanti per la loro salute da questo fungo, acquistandolo tramite la catena di negozi Mitos World con cui abbiamo instaurato una speciale convenzione per i nostri lettori, qualche mese fa.

E’ il Germanio organico, contenuto in elevata quantità nel Ganoderma (6000 ppm), il principale responsabile degli effetti benefici che si possono riscontrare dall’utilizzo di bevande, estratti ed infusi, ottenuti dal Reishi.

Oltre ad esso, però, questo fungo contiene:
– omega 3,
– magnesio,
– ferro,
– antiossidanti,
– calcio,
– vitamina c,
– proteine.

Cosa contiene il Reishi

Assunto quotidianamente, può riportare il corpo ad uno suo stato di salute ottimale, consentendo a tutti gli organi di funzionare regolarmente e regolarizzando il sistema immunitario.

E’ bene, però, non stressare questo fungo con trattamenti tecnologici piuttosto invadenti (come la liofilizzazione) e, chiaramente, è importante che la percentuale di Reishi presente nel prodotto sia effettivamente elevata (superiore al 10%).

Fatte, quindi, tutte le considerazioni di base necessarie, oggi ci concentriamo sul meccanismo d’azione, all’interno del corpo umano, di questo fungo nel tempo e, quindi, sull’importanza di assumerlo con costanza, per vederne gli effetti benefici.

Prima Fase (30 giorni) – Analisi
Gli ingredienti attivi del Ganoderma iniziano a regolare le funzioni corporee. In questa prima fase si iniziano a sperimentare i sottili, ma evidenti, effetti del Ganoderma, che va “stanare” le tossine e le “malattie” presenti, ma nascoste all’interno nostro organismo.

Seconda fase (7 mesi) – Purificazione e disintossicazione
In questa fase il Ganoderma agisce per eliminare l’eccesso di acido urico (responsabile di diverse patologia, fra cui la più famosa è senza dubbio la gotta), acido lattico (nemico degli sportivi), colesterolo, depositi adiposi, tessuti morti e tossine.

Terza fase (un anno) – Regolazione
Durante questo periodo i componenti attivi del Ganoderma reagiscono con il corpo per curarlo. Tale processo si può osservare e toccare.

Quarta fase (due anni) – Ricostruzione
A questo punto il Ganoderma agisce come rallentatore dei processi di invecchiamento cellulare, rafforzando il sistema immunitario e riparando organi e sistemi danneggiati. In questa fase, inoltre, il Ganoderma fornisce vitamine e minerali necessari per accelerare il processo di recupero.

Quinta fase (3 anni) – “Ringiovanimento”
In questa fase il Ganoderma continua a mantenere le funzioni corporee ad un livello ottimale e se ne godono a pieno tutti i benefici.

IMG_3323

L’imperatore Shen Nung Pen T’ sao Ching, a proposito del Ganoderma, diceva:” Se vuoi stare bene o rinforzare il tuo organismo, se vuoi vivere a lungo senza invecchiare, usa questo medicamento“.

Non mi resta, quindi, che invitarvi a provare l’infuso di questo fungo ed a goderne dei benefici. Se vuoi saperne di più e scoprire dove puoi assaggiare questo prodotto, clicca qui.

4 Aprile 2014 – Conferenza sul tema “Alimentazione e Tumori”

Come preannunciato qualche giorno fa, il 4 Aprile presso la Loggia dei Mercanti, si è tenuta una interessante conferenza sul tema “Alimentazione e Tumori”.

Loggia dei Mercanti

Partendo dal concetto che un cancro non è solo un problema circoscritto alla persona che ne viene colpita, ma estendibile a tutta la sua famiglia, si è parlato dell’unica cosa che è possibile fare per cercare di ridurre il rischio di incorrere in questa terribile malattia: la prevenzione.

Prevenire significa “arrivare prima” e ciò è possibile solo seguendo ed applicando corretti stili di vita, che partono da una buona alimentazione, ma non si limitano ad essa.
Una buona alimentazione deve essere di “qualità”, ma deve anche saperci dare piacere, tenendo sempre ben chiaro che gli eccessi, anche se di prodotti buoni, sono comunque da evitare in quanto pericolosi.

Quali sono, allora, i fattori di rischio?
Innanzitutto l’età, poi la familiarità, l’alimentazione errata (e di questo parleremo diffusamente anche in altri post!!), l’assunzione di alcol (ahimè…!!), la scarsa attività fisica (in quanto favorisce l’obesità), il sole (soprattutto per chi ha molti nei sulla propria cute) ed il fumo.

Il cancro è una proliferazione incontrollata di cellule atipiche (che potremmo anche definire “impazzite”) e la prevenzione si deve portare avanti su 3 livelli:
primaria: evitando i fattori di rischio,
secondaria: eseguendo visite mediche periodiche di controllo,
terziaria: seguendo eventuali programmi specifici.

Prostata, mammella, polmone e pelle risultano essere i tumori più diffusi.

Mantenere un corretto stile di vita e fare attività fisica è importante anche per chi è già malato o è stato malato di tumore: si aumentano le possibilità di guarigione e si abbassano quelle di eventuali “ricadute”.

Vi assicuro che le informazioni e gli spunti utili sono stati davvero tantissimi e quindi ben presto tornerò ad affrontare in maniera specifica questo tema, così importante.

Anche questo è CulturAgroalimentare