…and the winner is…

Lo stocco cucinato nelle case anconetane: ad Ancona Capitale dello Stoccafisso vince Antonio Tedesco

gioacchini marani giuria2

È Antonio Tedesco il miglior “cuoco di casa” nella sfida tra cittadini per la miglior interpretazione dello Stocco all’Anconetana secondo la giuria di Ancona Capitale dello Stoccafisso. La giuria – presieduta dall’enogastronomo Maurizio Gioacchini e composta dal sommelier Gualberto Compagnucci, da Sandro Marani, delegato di Ancona dell’Accademia della Cucina Italiana, e dal vicepresidente dell’associazione “Re Stocco”, Michele Maccione – ha testato le preparazioni di 9 partecipanti che hanno portato in piazza Pertini le loro preparazioni. Ad andare a punti, la qualità delle materie prime, i sapori utilizzati e l’interpretazione del piatto. “Sono stati tutti molto bravi – commenta Gioacchini – Molte interpretazioni avevano ingredienti particolari come tonno, alici, capperi, olive. Tedesco ha saputo bene interpretare il palato, l’equilibrio tra i vari sapori, ha utilizzato uno stoccafisso ben bagnato, la giusta patata gialla. Ha distanziato abbastanza Il secondo“.

antonio tedesco e chef

Brindisino di nascita, ad Ancona dal 1961, Tedesco ha lavorato per anni come cameriere al ristorante Passetto. Proprio in quel tempio dorico della ristorazione ha scoperto, ammirato e carpito i segreti della cucina dorica. “Il segreto – rivela il campione – è stato essere sempre innamorato di questo piatto che in Puglia non conoscevamo. Rubando con gli occhi, ho appreso molto dallo chef Adino Messi, un grande maestro. Io lo cucino leggero in modo da rendere più gustoso il piatto. Seleziono le patate, lo stoccafisso con la giusta bagnatura e le spezie. Il prossimo anno io e mia moglie, una donna meravigliosa, festeggiamo i 50 anni di matrimonio: speriamo che tra noi vada tutto bene così da far mangiare stoccafisso ai nostri ospiti“. Tedesco ha superato Alessandro Gioacchini, titolare di “Gioacchini 1900” e fornitore di stoccafisso dell’intera manifestazione (ma anche dei primi tre classificati), e Flavia Michele.

università braLa kermesse di piazza Pertini è stata tappa anche per un gruppo di studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche, la scuola di Bra (Cuneo) nata da un’idea Carlo Petrini di Slow Food, in tour nelle Marche per scoprire la nostra enogastronomia. La comitiva si è fermata per pranzo e ha girato un video intervistando lo chef Massimo Bomprezzi e i responsabili di Re Stocco sulla tradizione dorica del prodotto norvegese. Oggi, ultimo giorno di manifestazione, altra sfida: associazioni e pro loco che promuovono lo stoccafisso, abbinato e cucinato con i prodotti dell’agricoltura della zona di provenienza. La giuria in questo caso dovrà valutare tra qualità dei prodotti utilizzati, migliore interpretazione, abbinamento al vino e presentazione del piatto.

Grande anteprima del RiStocco

Anteprima da 10 e lode per il RiStocco di Compagnucci
D’Angelo, Serri e Marani soci onorari dell’Ordine
ristocco
L’ottimo esordio del RiStocco e lo Stoccafisso all’Anconetana «più buono assaggiato finora», quello preparato dallo chef Dalmazio Rossi della Cantinetta del Conero che ieri sera ha ospitato l’assemblea dei soci dell’Ordine Cultori della Cucina di Mare “Re Stocco, riunita per l’approvazione dei bilanci e in vista dell’evento fissato per fine maggio (da sabato 27 a domenica 29) in piazza Pertini ad Ancona.

Una manifestazione per la quale, vista l’iniziativa di Coldiretti “Abbiamo riso per una cosa seria”, con la vendita di riso 100% italiano in favore dell’agricoltura familiare in Italia e nel mondo, è stata ideata dal maestro sommelier Gualberto Compagnucci una nuova ricetta. Si tratta del RiStocco, risotto alla zafferano mantecato con le patate e guarnito con Stoccafisso all’Anconetana. Il piatto è stato servito ieri in anteprima alla cena post assemblea riscontrando commenti più che positivi. Nel corso della serata sono state anche conferite le tessere di socio onorario a Sandro Marani, delegato di Ancona dell’Accademia della Cucina Italiana, Angelo Serri, ideatore e direttore di Tipicità, e Italo D’Angelo, già Questore di Pesaro e oggi consigliere comunale di Ancona.

da sinistra D'Angelo, Serri, Marani, chef Dalmazio Rossi e Marinelli
Da sinistra: D’Angelo, Serri, Marani, chef Dalmazio Rossi e Marinelli
Il presidente dell’Ordine, Bernardo Marinelli, dopo essersi congratulato con chef Rossi per la sua interpretazione dello storico piatto, ha illustrato ai soci la manifestazione di fine maggio. Ancona Capitale dello Stoccafisso si terrà in piazza Pertini e ospiterà diversi concorsi enogastronomici. A partire dalla Selezione Vini in abbinamento con lo Stocco (quarta edizione), passando per la gara tra ristoranti, la competizione tra le ricette di casa (a cui prendono parte massaie e massai privati) e «una disfida tra pro loco e associazioni che si occupano di valorizzare sul loro territorio questo piatto eccezionale» ha aggiunto Marinelli. I vincitori saranno proclamati durante la manifestazione mentre la premiazione vera e propria si svolgerà l’11 novembre, data della tradizionale cena di gala di “Re Stocco”.
Claudio Gagliardini (Coldiretti) alle prese con il RiStocco
        Claudio Gagliardini (Coldiretti) alle prese con il RiStocco