Stocco, street food e solidarietà…Ancona, settembre 2016

#Stocco, #StreetFood e solidarietà: piazza Pertini diventa il fulcro del sabato sera anconetano

«Siamo riusciti nell’impresa di riempire piazza Pertini. Nella serata di sabato siamo stati davvero presi d’assedio. Gli amanti dello stocco, il piatto principe dell’eccellenza di Ancona sono sempre in crescita». È il commento di Bernardo Marinelli, presidente dell’Ordine Cultori della Cucina di MareRe Stocco“, l’associazione che insieme a Coldiretti Marche e Confartigianato Imprese, ha organizzato la tre giorni di Street Food di piazza Pertini. Partita a rilento il venerdì, l’evento ha catalizzato migliaia di avventori per tutta la giornata di sabato. Stoccafisso, cucinato all’Anconetana o come sugo per i paccheri dagli chef Massimo Bomprezzi e Vittorio Serritelli con gli studenti dell’Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia, che sale in cattedra, dunque. 
Il boom di presenze si è registrato sabato sera quando la movida anconetana ha scelto piazza Pertini per cena e dopocena ravvivato, tra l’altro, dal concerto dei So Soul: Veronica Key e Stritti con Shiffa al dj set. «Anche stavolta – aggiunge Marinelli – abbiamo fatto fatica a soddisfare le richieste dei consumatori. E questo nonostante il tempo incerto della giornata di venerdì. Come “Re Stocco” abbiamo deciso, proprio per incontrare le richieste di quanti non sono riusciti ad assaggiare il nostro Stoccafisso all’Anconetana, di aprire anche ai non soci la nostra cena di gala che organizziamo tutti gli anni. L’appuntamento, previa prenotazione, è per il prossimo 11 novembre al Ristorante Delle Rose a Marina di Montemarciano». 
Ottima anche la raccolta solidale per le popolazioni terremotate. Per i numeri finali si attende il conteggio di lunedì a stand chiusi, ma intanto, per far rendere l’idea, vale la pena di evidenziare che la sola iniziativa di Coldiretti, con la Caciotta Solidale, venduta ai banchi del mercato di Campagna Amica, ha segnato quota 300 forme vendute tra venerdì e sabato. L’intero ricavato della vendita del formaggio, fatto con il latte delle stalle delle zone terremotate da Grifo Latte, Coldiretti e Fondazione Campagna Amica, sarà destinato alle aziende distrutte dal sisma. Ma anche le aziende del mercato hanno messo in atto iniziative singole, come quella dei Sapori dei Monti di Massignano che ha destinato agli allevamenti colpiti dal sisma un euro per ogni tre di spesa sui cocomeri e uno su ogni due di spesa per le marmellate in vendita.
Marco Catalani
ufficio stampa

16 – 18 Settembre: Street Food Ancona in soccorso ad Amatrice

L’Ordine dei cultori della cucina di mare “Re Stocco“, anche quest’anno organizza, in collaborazione con Coldiretti Marche e Confartigianato Imprese, STREET FOOD: la manifestazione enogastronomica si terrà i prossimi 16, 17, 18 settembre ad Ancona, in piazza Pertini.

MANIFESTO

All’evento parteciperà anche l’Associazione Amatriciana Qualità Italiana.

I responsabili sono scampati per miracolo al tragico evento sismico del 24 agosto e grazie al contributo solidale dell’associazione “Re Stocco” potranno prendere parte all’iniziativa anconetana, nonostante i danneggiamenti subiti alle loro attrezzature.

Proprio da Ancona potranno dunque ripartire a promuovere il tipico piatto di Amatrice.

Lo stand, raccogliendo la proposta di Carlo Petrini di Slow Food, per ogni piatto consumato raccoglierà 2 euro che saranno poi versati sul c.c. appositamente istituito dal Comune di Amatrice.

Invito, quindi, tutti coloro che possono partecipare ad aderire a questa iniziativa e a  darne massima diffusione tra i propri contatti.

Può sembrare un piccolo gesto ma possiamo dare insieme un concreto contributo alla ricostruzione del paese gravemente colpito dal terremoto.

associazione-re-stocco

Un’altra grande edizione di Street Food è giunta al termine….

Street Food, ultimo giorno a caccia di specialità: si chiude con il boom di visitatori
 
Lo stoccafisso che diventa mousse con gelatina di pomodoro e olive, la riduzione di Rosso Conero aromatizzato al rosmarino e il gelato al Varnelli servito dentro una tazzina di cioccolato. Curiosando tra gli stand di Street Food della Vittoria anche le eccellenze marchigiane possono diventare stuzzicanti dolci sorprese.
IMG_0937
Nei tre giorni, allo stand dell’associazione Re Stocco e dell’Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana che insieme a Coldiretti Marche, I.M.T., Confartigianato Imprese e la collaborazione di docenti e studenti dell’Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia hanno organizzato l’evento, sono stati cucinati 6 quintali di stoccafisso, 1 di baccalà, 1 di paccheri. Obiettivo raggiunto, insomma. “Impressionante quanta gente sia venuta a trovarci – commenta Bernardo Marinelli, presidente di Re Stocco – soprattutto nella serata di sabato quando si è riusciti, concentrando varie iniziative come la nostra, il Mercatino dell’Antiquariato e la Notte Bianca a creare un grande evento da mare a mare. Lo avevamo sempre sognato ma ci si può riuscire solo lavorando tutti insieme. Questi eventi rivitalizzano la città e non può che far piacere“.
IMG_0933
Il tutto condito con gli ingredienti a km0 di Campagna Amica Coldiretti. Allo stand principale anche il San Nicolò, il Verdicchio dei Castelli di Jesi prodotto da Cantina Brunori, vincitore a giugno della Selezione Vini come miglior vino da abbinare allo stocco. Proprio il San Nicolò riceverà il riconoscimento il prossimo 11 novembre a Portonovo. IMG_0615L’occasione sarà data dalla cena conclusiva di un convegno dedicato all’olio extravergine delle Marche che Coldiretti organizzerà all’hotel La Fonte.
21010008

Ad Ancona, Street Food: la sfida tra l’hamburger marchigiano e quello piemontese

Anche se non abito (al momento) più nel Bel Paese, riporto con piacere il comunicato stampa dell’amico Marco Catalani, inerente il primo giorno di Street Food della Vittoria, la manifestazione enogastronomica al via da oggi ad Ancona.

Buona lettura…

Hamburger marchigiano o piemontese? Street Food della Vittoria al via: la sfida è servita
IMG_0603

Partenza bagnata per Street Food della Vittoria, ma la bontà delle proposte viene premiata con il rasserenarsi delle condizioni meteo. Nonostante il tempo in certo, i primi visitatori si sono affacciati lungo viale della Vittoria per assaporare le proposte dei vari stand. Taglio del nastro con il vicesindaco di Ancona Pierpaolo Sediari attorniato dalle autorità ed è subito “sfida” tra il Marchburgher, l’hamburger 100% marchigiano e l’hamburger di Fassona, dal Piemonte. E poi pani ca meusa e panelle siciliane, fritture di pesce da spizzicare al cartoccio e tanto altro ancora.

IMG_0606
Allo stand principale, oltre alla carne marchigiana in abbinamento con il Rosso Conero (una dozzina le cantine partecipanti con degustazione coordinata da Roberto Orciani, enoblogger di Non solo tappo) anche il piatto principe della tradizione anconetana: lo Stoccafisso all’Anconetana preparato secondo la ricetta codificata nella nuova De.Co. Stocco che volendo può diventare ottimo condimento per i paccheri.

Non mancano le eccellenze dei produttori di Campagna Amica Coldiretti, con tredici stand che proporranno una vasta serie di specialità. Si va dai prodotti innovativi come le compresse al propoli dell’Apicoltura Gabanini o il miele allo zenzero e alle bacche di goji del Miele del Grillo, alle confetture ai frutti dimenticati della Coccinella, fino alla birra alle visciole delle Cantine del Cardinale e ai cosmetici al latte d’asina dell’azienda Garofalo. Ma ci sono anche gli extravergine monovarietali dell’azienda Galluzzi e di Olio San Marco, i formaggi di Magnaterra e della fattoria di Opagna, i salumi tipici del Vecchio Gelso, dell’azienda Guerri e dell’azienda Marota, le piante aromatiche e i peperoncini di Agriflor.

La manifestazione, organizzata da Ordine Cultori Della Cucina di Mare “Re Stocco” e Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana, unitamente a Coldiretti Marche e all’Istituto Marchigiano di Tutela Vini e a Confartigianato Imprese e con la collaborazione di docenti e studenti dell’Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia, andrà avanti anche domani e domenica.

Hanno detto…

IMG_0902
– Di Sante, presidente Coldiretti Marche: “Lo street food va molto di moda ultimamente ma si tratta di una tradizione antichissima, che risale ai Romani. Riusciamo a rivitalizzarla con prodotti locali. Spesso si pensa a Street food come a prodotti che arrivano da paesi lontani e invece con i nostri prodotti contadini riusciamo a comunicare, a promuovere e a tutelare il territorio”.

– Enzo Bottos, direttore Coldiretti: “Da quando mi sono insediato, quattro mesi fa, ho girato un po’ il territorio e parlato con i produttori. Devo dire che nelle Marche c’è una grande varietà di produzione, un paniere molto interessante. Occorre però lavorare parecchio perché fuori confine marchigiano pochi conoscono queste eccellenze. Uscire fuori dai confini regionali e nazionale è per noi un percorso obbligato”.

– Gianluca Busilacchi, consigliere regionale: “Qualche giorno abbiamo approvato il Psr. Avevamo urgenza di farlo per non perdere i finanziamenti e ora abbiamo risorse che agevoleranno le imprese, il lavoro dei giovani e la qualità, un beneficio indiretto anche per il consumatore finale. Questo è un settore verso il quale c’è una particolare attenzione”.

– Emanuele Lodolini, deputato: “Bilancio di Expo è positivo con milioni di spettatori nonostante inizialmente ci siano stati critici e dubbiosi. La stessa Expo rappresenta l’Italia migliore. Sull’onda di questo risultato, andiamo avanti. I dati sull’economia ci dicono che stiamo uscendo dalla crisi. Questo ci spinge a guardare al futuro e ad approfondire questo tema anche rispetto alla discussione sulla Legge di Stabilità, dove il Governo ha già annunciato l’abolizione dell’Imu agricola che tanti problemi ha creato al settore”.

– Piergiorgio Carrescia, deputato: “Questo di Ancona è un appuntamento ormai tradizionale per promuovere la filiera corta. Nelle Marche abbiamo grandi produzioni. Il premier Renzi all’Expo per Coldiretti è sintomatico del rinnovato interesse che l’Italia nutre verso questo settore. Marche regione troppo chiusa e poco conosciuta? Stiamo facendo conoscere la bellezza della nostra regione grazie ai suoi vini ma anche, ad esempio, grazie al film su Leopardi. Si può far sempre di più ma penso che questa sia la strada giusta. La diffusione dell’immagine delle Marche è importantissima”.

– Gilberto Graziosi, segretario Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana: “Partecipiamo volentieri con il nostro piatto garantito dalla scuola alberghiera. La De.Co.? Fondamentale. Il Comune dichiara che lo stocco è il piatto della tradizione della città. Per tutti una grande opportunità. Per tutti coloro che visitano Ancona una garanzia perché vengono impegnati i ristoratori a impiegare ingredienti di qualità e del territorio”.

IMG_0608

Cala il sipario sullo Street Food

ANCONA, VIALE PRESO D’ASSALTO PER LO STREET FOOD
 
Picchi da record per Street Food della Vittoria e solo il maltempo del pomeriggio ha impedito alla manifestazione di eguagliare – in due giorni – i 30mila visitatori del Viale dei Sapori dello scorso giugno.

 

IMG_8039

 

La vera sorpresa è stata rappresentata dai piatti di baccalà fritto e dalla Stoccoliva, l’ascolana farcita con lo stocco. Già al termine della giornata di sabato, gli chef Massimo Bomprezzi e Vittorio Serritelli, avevano terminato i quantitativi previsti per l’intero weekend. Pranzo e cena di domenica sono stati dunque a base di polenta e stoccafisso.

Gettonatissimi i due concerti del sabato, soprattutto l’hip hop jam session di piazza Diaz. L’area bimbi è stata molto apprezzata dai genitori che sono riusciti a far divertire i figli e a buttarsi sulle specialità proposte dagli stand. Tra le particolarità, tapas di stocco, pannocchie alla brace, pasta di farro, cresciamo di polenta, spuntature, miele di sulla (lupino selvatico) e sciroppo balsamico di miele e propoli.

 

IMG_8041

L’evento, organizzato da Re Stocco e Accademia dello Stoccafisso in collaborazione con Coldiretti e IMT, è riuscita dunque a dare il segnale importante di come l’enogastronomia e la tutela delle tipicità riescano ad essere un volano per il turismo e l’economia.

Altre foto sono presenti sulla nostra pagina facebook.

Ancona Street Food: il programma

Ancona, Street Food al via: ecco il programma

viale vittoria 1

Street Food della Vittoria, ci siamo. Inizia domani la due giorni del cibo da strada con il Viale della Vittoria pronto ad accogliere i circa 100 stand, provenienti da tutta la penisola, con i prodotto della tradizione enogastronomica del Belpaese. La cerimonia di inaugurazione ufficiale si terrà alle 12 ma i banchi delle specialità “cotte e mangiate” saranno aperti a partire dalle 9 fino alle 24. Tante iniziative collaterali come il convegno dedicato alle politiche agricole adottate dall’Unione Europea, street art, musica e sport. La manifestazione è organizzata dall’Ordine Cultori della Cucina di Mare “Re Stocco” e Accademia dello Stoccafisso all’Anconitana, in collaborazione con Coldiretti Marche e Istituto Marchigiano di Tutela Vini.

Gli stand

Proposte culinarie di cibi da strada da tutta Italia. Dagli arancini ai cannoli siciliani, dagli arrosticini abruzzesi alle seadas e al pane carasau sardi, formaggi anche dal Piemonte, salumi dalla Toscana ma anche piatti della tradizione emiliana, veneta, trentina, lombarda, campana, molisana e pugliese. Ma anche caldarroste e proposte gluten free. L’evento ospiterà anche una nutrita sezione dedicata alle birre marchigiane: prive di conservanti, non pastorizzate, non filtrate, a bassa fermentazione, di grano ma anche di castagne o aromatizzate alla mela rosa. Oppure gelatine di birra, ottime al posto di miele e mostarde per accompagnare i formaggi. Le Marche saranno ben rappresentate dai produttori del mercato di Campagna Amica. Nello stand principale, gli chef Massimo Bomprezzi e Vittorio Serritelli prepareranno baccalà fritto, stoccafisso all’anconetana accompagnato dalla polenta e cartocci di Stoccoliva all’Anconetana, un matrimonio del gusto con Olive all’Ascolana e farcitura di stoccafisso.

Street Art

Evento nell’evento. Domani, dalle 10 fino a mezzanotte, piazza Diaz ospiterà Deeaz Scipliness Hip Hop. Si tratta di una super Jam con i migliori esponenti della scena hip hop anconetana. Una trentina di artisti, tra cuiLizhard e Stritti, tra graffiti, ballo, rap e deejaying. I writer inizieranno a creare le loro opere su pannelli adibiti ad hoc a partire dalle 10 a oltranza. Alle 16, spazio agli hip hop dancer, tra show e lezioni, si accenderanno le casse per un dj set (prevista anche la presenza di una special guest del calibro di dj Elel) che andrà avanti anche dopo le 21 quando sul palco si alterneranno i rapper per un live da non perdere.

Agrodolce in concerto

Dalle 18 alle 20 e dalle 21 alle 23, nel palco allestito di fronte allo stadio Dorico, si esibiranno gli Agrodolce. La band propone brani storici anni ’60 e ’70. Un evento gratuito che amplia l’offerta della manifestazione.

Street babies

Sempre in piazza Diaz sarà allestita un’area bimbi con laboratori, giochi, palloncini, intrattenimento, face painting, bilinguismo infantile da 0 a 10 anni, musicoterapia e approccio alla musica per bambini insieme ai genitori. Il fotografo scatterà dei preziosi momenti con i personaggi dei cartoni animati più amati. Sarà presenta anche una nursery attrezzata con zona fasciatoio, pannolini, area allattamento. Un servizio utile per le famiglie che hanno intenzione di fermarsi a mangiare tra gli stand della manifestazione.
Gli orari: sabato dalle 15 alle 20 e domenica dalle 10 alle 20.

Il convegno di Coldiretti

L’Europa buona, dalla politica agricola più cibo, qualità e ambiente”. È questo il tema del convegno, organizzato da Coldiretti Marche, che si terrà domani, a partire dalle 10, all’hotel Passetto, in via Thaon de Revel 1. I lavori prevedono gli interventi di Emanuele Befanucci (presidente Coldiretti Ancona), di Andrea Bordoni (Servizio Agricoltura Regione Marche) e le conclusioni di Prisco Lucio Sorbo (direttore Coldiretti Marche).

Street Food della Vittoria – spiega Bernardo Marinelli, presidente di Re Stoccosi inserisce a pieno titolo nel percorso verso l’Expo 2015 per la progettazione partecipata del Padiglione Italia ma anche nel piano di azione della Macroregione Adriatico Ionica che tra i suoi pilastri prevede anche blue economy e turismo. Senza dimenticare la promozione e la valorizzazione della cultura enogastronomica regionale e italiana intesa come modalità di preparazione dei cibi con prodotti agricoli di qualità. Vogliamo far diventare Street Food del Viale un grande appuntamento fisso e di portata nazionale per la città di Ancona”.

viale della vittoria 2